L’estate in 51 punti

1. Innamoramento precoce
2. Vago imbarazzo di fronte a pisellini e patatine di bambini che corrono nudi sulla spiaggia
3. Ma quale America io son più curioso dell’Oriente ma vado a Bibbona
4. Selfie
5. Non è colpa dei bambini ma dei genitori
6. Piede scalzo su qualunque superficie calpestabile (o meno)
7. E vediamocelo un cazzo di tramonto prima di andare via
8. Momenti di consapevolezza improvvisa, imprevista e monouso
9. Sabbia sulle cose
10. L’urina dell’universo nel mare
11. Finalmente è buona anche la frutta
12. La canzone simbolo, brutta o bruttina che sia
13. La benzina la pago io, ci rifacciamo quando si scambiano
14. Azzardare il pantalone bianco
15. Selfie
16. Biglietti aerei in carta a4 70 grammi
17. Il rumore del mare è banale per tutti ma io lo sento addosso di più
18. Compriamolo e al massimo lo usiamo l’anno prossimo
19. Sì per forza, un gelatino ci sta
20. Quando ero piccolo d’estate un sacco di cose
21. Le chiavi sono nella borsa accendi l’aria chiudi il finestrino
22. Quella volta alle medie avrei dovuto dirglielo che mi piaceva
23. Quelli con il costume a fiorelloni simil-cardo stilizzati su campo monocolore
24. La persistenza antilogica dei pantaloni a pinocchietto
25. Inaspettata empatia con alcuni insetti
26. Guarda bella la città vuota
27. L’acqua l’ho presa
28. Chissà come deve essere vivere qui d’inverno
29. Niente Corona col limone perché è da bimbi ma mi garba
30. Prendere il Negroni che è da grandi ma non mi garba
31. Ho libri da smaltire, ne compro di nuovi per il viaggio, ne leggo altri ancora
32. La battuta su qualcuno che non viene punto dalle zanzare perché ha il sangue di merda
33. Prendilo oggi che magari domani è chiuso
34. Non hai il fisico
35. La prossima sarò felice/ricco/magro
36. Qui è tutto bellissimo
37. Foto che non rivedremo
38. Esprimi un desiderio ho visto una stella cadente no era un aereo chissà dove va
39. Ho quello in microfibra
40. Di là c’è l’ombra
41. Io quelli che buttano le sigarette nei boschi l’ammazzerei
42. Qui ci porterò l’amore della mia vita quando troverò il mio amore o la mia vita
43. Lo scontro generazionale che si declina nell’uso del calzino
44. Speriamo di aver chiuso l’acqua
45. La cover band improbabile davanti agli anziani
46. Che schifo un’alga
47. I manifesti fosforescenti delle sagre
48. Io un caldo così non l’avevo mai sentito (ogni anno)
49. Beach time aperitivo time doccia time uscitina time disco time è già settembre baby time
50. Aspettare quel momento perfetto in cui, se si fosse in un film, partirebbe la main track della colonna sonora: potente ma riflessiva, evocativa ma dolce, romantica ma consapevole. Il momento della svolta, in cui il protagonista capisce quel che deve capire, lascia gli orpelli e le preoccupazioni, si fa coraggio, conosce se stesso, si appresta a compiere quel gesto che cambierà per sempre la sua esistenza rendendo quell’estate indimenticabile, perfetta nel suo complesso di ostacoli e salti. Dieci anni dopo, gioia con tocco di ironia. Titoli di coda. Fine. Non era male ma (nascondendo la lacrima) son sempre tutti uguali, andiamo a bere qualcosa.
51. Selfie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com